lunedì 2 luglio 2018

Arrivederci, padre Luigi!

Padre Luigi Terracciano.




Indirizzo di saluto a padre Luigi Terracciano, in occasione della fine della sua amministrazione parrocchiale di Santa Maria d’Ajello, 1 luglio 2018.


Salve a tutti. Sarò molto breve e formale. Durante la sua prima messa qui in Santa Maria, don Luigi usò due parole nell’omelia: carità ed obbedienza. La carità, per parte sua, padre Luigi l’ha sempre dimostrata. Da parte nostra, bisogna ammettere invece che non c’è stata molta obbedienza. Quindi, padre, tra poco, oltre a concederci la sua benedizione, ci conceda anche il suo perdono.
Bisogna fare un triplice ringraziamento a don Luigi. 
Il primo per le sue omelie e la sua catechesi che si svolgeva domenica dopo domenica. Omelie semplici senza essere banali, dolci ma ferme nella dottrina. 
Il secondo grazie è per il sostegno nelle ricerche archivistiche e storiche di chi vi parla e per aver concesso alle classi dell’istituto “Filippo Brunelleschi” di Afragola di visitare la chiesa in questi anni. 
Infine, un grazie a padre Luigi che, in un’epoca particolarmente complessa per la Chiesa, ha riportato al centro dei nostri pensieri l’Ospite del Tabernacolo. 
Da domani la parrocchia di Santa Maria entra in una fase nuova della propria storia, dopo 8 secoli, dopo 800 anni. Ma come padre Luigi ci ha insegnato e mostrato con umiltà e determinazione in questo triennio, ogni difficoltà può essere superata portando Cristo al centro della vita, come mi disse durante l’intervista che mi onorò di concedermi.
Quindi arrivederci a padre Luigi, che resterà comunque in Afragola sia pur con altro incarico. Grazie, grazie, grazie!”.

L’intervista di padre Luigi a Vetus et Novus nel 2017: LINK.

Nessun commento:

Posta un commento