giovedì 10 maggio 2018

La prima citazione storica di Ippolito Cavalcanti.

Ippolito Cavalcanti giunge in questo mondo. E' il 1787. Ne uscirà nel 1859.


Articolo correlato: Ippolito Cavalcanti, dalla nobiltà all’arte culinaria (LINK)

Il documento storico che qui riproduco è una gentile concessione di un amico del nostro blog, padre Giuseppe Esposito. Don Giuseppe, afragolese e attualmente parroco della chiesa del S. Salvatore in Pompei, è autore di numerosi e ottimi testi storici, fra i quali il fondamentale “I parroci di Afragola. Ieri e oggi”, edito nel 2008, e “Bartolo Longo. Carità ed educazione”, dato alle stampe nel 2016. 
Diviso fra le cure pastorali e le ricerche d’archivio, don Giuseppe è uno storico nel senso pieno e professionale nel termine. Scrivo questo senza nulla togliere ai meriti di altri ricercatori storici afragolesi a noi contemporanei, come Francesco Giacco per la storia moderna e Massimiliano D’Afiero per la storia bellica.
Come scrivevo all’inizio, don Giuseppe mi ha gentilmente concesso la foto di una preziosa fonte storica: l’atto di battesimo, quindi l’atto di ingresso nel mondo, del nostro Ippolito Cavalcanti, battezzato nel settembre 1787 nella chiesa di San Giorgio. L’immagine risale ad alcuni anni fa, quando padre Esposito era impegnato nelle sue ricerche d’archivio per il volume riguardo i parroci di Afragola. La fonte è presa dal XII Libro dei battezzati della parrocchia georgiana, anno 1787, foglio 129 recto, atto n. 1. Eccone una trascrizione:


Anno Dni milles.mo septing.mo octag.mo septimo 1787 die vigesima quinta septembris R.D. Joannes Aloysius Cavalcante Oratorii Pater Donacum venia mea D. Casimiri Rosselli parochi S. Georgii Afragolae Neapol.na Dioc. baptozavit infantem hestrema die natum ex Magn.ci conjugibus D. Guido CAvalcante hic commorante ut peta qui Gubernator hujus Terrae Afragolae existebat, et D. Anna Caporelli, cui nomen est imposuit Hippoytus, Raymundus Franciscus Joannis Battista Aloysius. Tenuit in sacro fontem obstetrix Santa Iorio”.

Il bambino fu presentato dallo zio, Giovanni Luigi, dell’Ordine di San Filippo Neri: quasi certamente dovette trattarsi di un forestiero, visto che gli Oratorio filippini non hanno mai avuto una casa in Afragola. Il parroco, Casimiro Rosselli, che annota queste righe, ricorda la carica di Regio Governatore rivestita dal padre in Afragola e il nome della madre, Anna Caparelli. Il piccolo venne tenuto al fonte battesimale dall’ostetrica, Santa Iorio, come usanza dell’epoca, e gli furono imposti i nomi di Ippolito, Raimondo, Francesco, Giovanbattista e Luigi (a lato trascritto come “Luiggi”). Ippolito Cavalcanti nacque in Afragola il 25 settembre 1787: l’atto spazza via in un sol colpo tutte le voci che lo davano nativo in Napoli il 2 settembre dello stesso anno. Un’altra testimonianza concreta della Storia della nostra città, ignorata dai più e volutamente rifiutata da altri.
Grazie ancora don Giuseppe.

7 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Bellissimo.
    Chiedo scusa se importuno sempre però mi sono promesso che quando ho idee che si avvicinano alla logicità e riguardano storia e cultura di Afragola, DEVO scrivere qui.
    Lei ha un canale su youtube, lo sfrutti, se ha amici, convochi attori dilettanti per rappresentare sul web le pedicula di Rocco e aspiranti cuochi per cucinare i piatti descritti dal Cavalcanti nella sua opera (oltre alla carellata di quadri del Mozzillo).
    Così unisce l'utile al dilettevole, mette sul web un pò della nostra storia, e permette ai ragazzi con la vocazione del teatro e della cucina di fare piccole esperienze

    RispondiElimina
  4. I lettori non importunano mai ed ogni loro intervento è un piacere. Riguardo al canale YT, esso va ripreso e aggiornato dopo anni di stasi, vero, e la sua idea pure non è male. Ma non conosco attori in erba né aspiranti cuochi per porla in atto.

    RispondiElimina
  5. Anni fa nella parrocchia di San Michele alle Salicelle ricordo che c'era il gruppo dei teatranti che dirigeva i ragazzini, magari ci sono ancora.
    Di aspiranti cuochi di Afragola che fanno l'alberghiero ce ne sono tanti, ma credo che anche semplici appassionati di cucina potrebbero fare un video. L'idea è questa, metta a disposizione degli utenti il manuale teorico pratico del Cavalcanti, su internet c'è già un pdf, dovrebbe incollare l'indirizzo sulla sua pagina di yt, gli utenti posterebbero i video sulla sua pagina face che può caricare così sul suo canale

    RispondiElimina
  6. Chiaramente è un idea al limite della fattibilità, ma è un piccolo spunto per capire come far conoscere il Cavalcanti,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutte le idee sono bene accette. Volevo aggiornare già oggi il canale, ma uno "scoop" me ne ha distolto e quindi tutto è rinviato a domenica. Non me ne dispiace, perché grazie al caso fortuito che mi è capitato ho completato un ulteriore punto oscuro sulla storia (e sull'arte) di questa città.
      Per ulteriori notizie in merito, rinvio ad articolo apposito fra qualche settimana.

      Elimina